0

Status: Whatsapp copia Snapchat

Circolano notizie di una nuova funzione di Whatsapp, la popolare app di messaggistica, che fanno pensare che in casa Facebook siano un po’a corto di idee. Si chiama Status, ed è la nuova funzione pensata per arricchire l’offerta dell’app di messaggistica di Menlo Park. Quella che potrebbe sembrare un’avventata affermazione: “Whatsapp copia Snapchat” è, in realtà, una costatazione veritiera.

Status si configurerà come una nuova scheda, andando a sostituire l’attuale voce Contatti. Qui avranno casa contenuti a scadenza, della durata di 24 ore, che dopo un giorno spariranno. Come già accade per Instagram Stories e, naturalmente, Snapchat, sarà possibile modificare le foto con sticker, scritte colorate, emoji, e sarà possibile farlo sia sui video, che sulle foto. Sarà poi possibile scegliere con chi condividere le foto: se con tutti i contatti o solamente con alcuni di essi.

Status - Whatsnap? - alessandrodandrea.altervista.org

Status: Se non puoi batterli, copiali!

Che Mark Zukerberg veda in Snapchat il social di domani, ormai non è più un mistero. Qualche anno fa, quando ancora Snapchat non aveva fatto “il botto” a livello internazionale, il CEO di Facebook avanzò una proposta d’acquisto per Snapchat, rifiutata da Evan Spiegel, fondatore e capo dell’app del fantasmino. Siete curiosi di sapere che cifra ha rifiutato?

Si parla di una cifretta modesta: 3 miliardi di dollari. Evan Spiegel ha rifiutato un’offerta di 3 miliardi di dollari. Il motivo? Molto semplice:

Snapchat ne vale di più!

Col senno di poi, dire che il rifiuto di Spiegel è stato lungimirante, è dire poco. Ed è così che è partita la rincorsa. Prima Messenger e Instagram, dove sono stati rispettivamente introdotti, nel corso del tempo, i Messenger codes e le Instagram Stories; i primi a ricalcare gli Snapcode, le seconde a introdurre la durata di 24 ore, per i contenuti nei social di casa Facebook.

Finita qui? No, perché un’altra funzione analoga a Status sta uscendo dai laboratori Facebook. L’app di riferimento, in questo caso, è Messenger, e si chiama Messenger Day, che prevede la possibilità di condividere con uno o più contatti  dell’app foto, video e contenuti in generale con una durata di…esatto, 24 ore.

Status – Ma ce n’è bisogno?

Per quanto provocatoria, la domanda ce la si può porre, ed è, a parere dello scrittore, quanto mai legittima. Il dubbio affonda le proprie radici nella differenza che c’è tra le due app: Snapchat è un vero e proprio social network che integra funzioni di chat, mentre Whatsapp è un servizio di messaggeria istantanea, che di social, nella concezione comune del termine, non ha proprio nulla. Perché dunque dover “apparire” anche su Whatsapp, se i contatti che ho sull’applicazione già sanno chi sono,cosa faccio, e soprattutto vanno a vedere le mie foto sui social veri? La natura di Whatsapp non ha nulla a che vedere con la condivisione fine a se stessa, ma punta tutto sulla condivisione di contenuti e messaggi tra utenti. “Se devo mandarti una foto, te la mando”. Punto. Questo è il succo del discorso.

Forse Facebook, nella sua mania di “svecchiarsi”, ha perso un po’la strada? Che ne dici? Commenta qui sotto, e se ti piace l’articolo, condividilo!

Anche su Whatsapp.

alessandrodandrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.