Razzie Awards: ecco i premi per i peggiori film

Che tu sia appassionato di cinema o meno, sai che esistono i premi Oscar per stabilire quale sia il film più bello, la regia migliore o il cast meglio performante. Nonostante tu sia appassionato di cinema, tuttavia, potresti non sapere che esiste anche il premio per il peggior film, ed è venuto il momento di dirti qual’è.
Fidati, ci sono film che potrebbero lasciarti con la faccia da: “Urlo di Munch”!

Edvard_Munch_-_The_Scream_-_Google_Art_Project

Le premiazioni dell’Academy, i BAFTA o gli italianissimi David Di Donatello sono alcuni tra i premi per i film migliori nel panorama cinematografico. Accanto a loro, però, esistono anche i Razzie Awards, dedicati ai peggiori film di sempre.

Pellicole che, per un motivo o per l’altro, avrebbero benissimo potuto restare solo sceneggiatura. Tra i premiati si osservano nomi celebri del panorama cinematografico, come la serie cult Rambo ed il suo portabandiera Sylvester Stallone, ma anche uno dei capitoli della serie di Star Trek. Pellicole che hanno segnato un’epoca, per essere poi tristemente bistrattate anche da chi ne faceva film di culto.

Come, quando, dove e perché sono nati i Razzie Awards

La cerimonia per consegnare il premio al peggior film si svolge ogni anno a Los Angeles, ed in una notte particolare, la notte prima degli Oscar, come a voler fare da contraltare ai film migliori dell’anno.

Il nome arriva dal verbo inglese to razz, che significa “prendere in giro”, ed è nato dalla mente di John J. B. Wilson,  giornalista e pubblicitario del mondo cinematografico, fondatore della rassegna. Il padrino li ha voluti per mostrare il lato peggiore del cinema, ovvero quello che fa nascere saghe e pellicole con budget enormi, ma senza idee e con contenuti riciclati o già visti, creando chimere impossibili da sconfiggere anche per Hercules.

Ad essere pignoli, il nome vero della manifestazione è Golden Raspberry Awards, dato che la cerimonia nasce come evento annuale della Raspberry Foundation, anche se perfino sul sito ufficiale si parla di Razzies.

Le categorie premiate

Così come i fratelli più celebri, anche i Razzie Awards hanno categorie e nomination, per compilare una raccolta precisa e completa del peggio del peggio dell’anno cinematografico, e regolarmente vengono premiati:

  • Premio per il peggior film
  • Premio per il peggior regista
  • Premio per i peggiori attori e attrici protagonisti e non protagonisti
  • Premio per la peggior coppia
  • Premio per la peggior produzione
  • Premio per il peggior prequel, sequel e spin-off di serie cinematografica

Così come gli Oscar hanno la statuetta, poi, anche i Razzie Awards hanno il loro riconoscimento: Si tratta di un lampone dorato appoggiato su un nastro super8. Si, piuttosto pacchiano, almeno quanto le pellicole rappresentate.

Statuetta Razzie Awards

 

Premiati e premiate all’ultima edizione dei Razzie Awards

L’ultima edizione dei premi, la trentaseiesima, si è svolta il 25 febbraio 2017, ed ha visto trionfare Hillary Clinton che, dopo il triste risultato delle presidenziali americane, è stata indirettamente oggetto di ironia da parte della fondazione.

Il documentario Hillary’s America: The Secret History of the Democratic Party, pellicola che analizza la candidatura della ex first lady, ha infatti ottenuto i lamponi nelle categorie peggior filmpeggior regista, e peggior attore ed attrice protagonista; affiancata da diverse statuette per il film Batman vs Superman che ha ottenuto anche il premio come peggior prequel, categoria nella quale gareggiava anche un simpatico film (che a me non era praso così brutto) di cui avevo già fatto la recensione: Alice attraverso lo specchio.

I titoli entrati nella storia del premio per il peggior film

Oltre ai già citati RamboStar Trek, incoronati peggior sequel rispettivamente per Rambo 2 Star Trek 5, i Razzie Awards sono stati poco clementi anche con Proposta indecente, con il secondo capitolo di Basic Instinct, e con la saga dei Transformers.

Venendo a tempi più recenti, sono stati mozzati dalla mannaia del premio per il peggior film anche Breaking Dawn, della saga di Twilight, e nel 2015 la pellicola Cinquanta sfumature di grigio. Nonostante la Raspberry Foundation non ne parli, anche Cinquanta sfumature di nero non è un gran film, ed anzi mi stupisce che non sia ancora stato nominato per un premio.

Nel 2001, una pellicola di basso livello come Jurassic Park III, diretta da Joe Johnston e prodotta da Steven Spielberg, che in 70 anni di carriera ha collezionato grandi successi e qualche svista come questa, avrebbe facilmente potuto vincere, ed invece la vittoria andò a Tim Burton ed al suo remake de Il pianeta delle scimmie.

Nel 2006 fu invece il turno di Basic Instinct 2, film così brutto da vincere non solo il premio per il peggior sequel, ma anche il premio per il peggior film. Secondo la giuria, la stessa Sharon Stone ha meritato una statuetta, quella per la peggior attrice protagonista.

Anche la saga di Twilight ha avuto il proprio momento “di gloria” ai Razzie Awards, infatti nel 2012 il film Breaking Dawn – parte 2 ottenne la nomination a tutte le categorie del premio, vincendone ben 7.
Un risultato di tutto rilievo, anche se non certo desiderato dai produttori.

Attori ed attrici da “premio”

Tra gli artisti premiati anche Sandra Bullock, che si è ritrovata nel curioso caso dell’essere premiata nel 2010 sia ai Razzie che agli Oscar. La sera prima l’artista ha infatti ottenuto il lampone dorato come peggior attrice per il film A proposito di Steve, pellicola in cui la Bullock interpreta il ruolo di una creatrice di cruciverba alla ricerca di attenzioni da parte di questo Steve; e la sera dopo ha invece ottenuto la statuetta dell’Academy come miglior attrice per il film The blind side, pellicola che narra la vita di un giovane orfano senzatetto che sogna di giocare nella NFL.

Al di fuori della bizzarria della situazione, è doveroso sottolineare come il diverso spessore delle due pellicole abbia influenzato anche la recitazione della Bullock.

A proposito di Steve Sandra Bullock

Anche più curioso, tuttavia, è il caso di James Coco ed Amy Irving, attori che hanno ottenuto, per lo stesso film, sia la nomination come miglior attore, sia quella come peggior attore, anche se poi né la giuria degli Oscar, e tantomeno quella dei Razzie Awards, hanno assegnato il premio ai due interpreti.

Amy Irving ottenne entrambe le candidature per il film Yentl, pellicola interessante che racconta le vicissitudini di una ragazza ebrea più interessata allo studio dei testi sacri, che alle faccende domestiche; mentre James Coco ha archiviato le due nomination per la pellicola Solo quando rido.

Nomination e premi speciali

Oltre ai riconoscimenti già citati, la Raspberry Foundation si è prodigata nell’inventare categorie nuove e originali, come il premio per il peggior esordiente o quello per la peggior coppia. Nel primo caso, alcuni vincitori sono figli illustri.

Un esempio per tutti Sofia Coppola, che ha vinto il premio come peggior esordiente nella pellicola Il Padrino III. Ok, siamo tutti d’accordo, l’ultimo capitolo della trilogia de: “Il Padrino” non è certo di buon livello, ma è simpatico vedere come la figlia del celebre regista sia stata un po’presa di mira per castigare tutto il film.

Oltre a lei, nel 1996 è stata riconosciuta degna di questo premio anche Pamela Anderson, la bagnina di Baywatch che ha pagato lo scotto di recitare in una pellicola infima e scopiazzata dai fumetti Marvel come Barb Wire, e questo le è valso il lampone.

Il premio per la peggior coppia è un’altra trovata della giuria dei Razzie Awards, e ha coinvolto nomi altisonanti e non. Si parte con il duo Sylvester Stallone e Sharon Stone, premiati per il film d’azione Lo specialista, continuando con Tom Cruise e Brad Pitt ne Intervista col vampiro, film di grandissimo successo, fino ad arrivare al duo di Cinquanta sfumature di grigio, composto da Dakota Johnson Jamie Dornan.

 

Peggior Coppia ai Razzie Awards Dakota Johnson e Jamie Dornan 50 sfumature di grigio

La parte più divertente di questo premio, però, risiede nei curiosi abbinamenti scelti per pellicole come Sex and the city 2, dove ad essere candidato è stato l’intero cast; o ancora in Fahrenheit 9/11, film di denuncia di Michael Moore, dove ad essere candidati sono stati l’ex presidente degli Stati Uniti George W.Bush ed, a scelta, Condoleeza Rice o la capretta del presidente.

Altra candidatura curiosa riguarda il film Battaglia per la Terra, fantasy liberamente ispirato al libro di Ron Hubbard del 1982, che ha visto premiare: John Travolta e chiunque condivida lo schermo con lui.

L’apoteosi si tocca con Showgirls, film del 1995, dove ad essere premiate sono: Il cast completo in qualsiasi combinazione possibile di due persone (o due parti del corpo) e con Freddy Got Fingered, pellicola disastrosa del 2001, il cui attore protagonista Tom Green è stato candidato al premio per la peggior coppia insieme a: qualsiasi animale di cui abbia abusato.

Con una presentazione del genere, non c’è da stupirsi che Freddy Got Fingered sia stato un fiasco, ma per spiegarti al meglio di che genere di fiasco si è trattato, qui c’è il commento alla pellicola di Roger Ebert, un grandissimo critico cinematografico americano:

Questo film non raschia il fondo del barile. Questo film non è il fondo del barile. Questo film non è sotto il fondo del barile. Questo film non merita neanche di essere menzionato nella stessa frase con dei barili. Potrebbe arrivare il giorno in cui Freddy Got Fingered verrà visto come una pietra miliare del neo-surrealismo. Non arriverà mai il giorno in cui verrà descritto come divertente.

Ogni ulteriore commento mi pare superfluo.

I film e gli attori più premiati ai Razzie Awards

I veri titani dei Razzie Awards, però, sono altri. Esistono attori e film che hanno raggiunto vette mai esplorate prima nel brutto, ed uno di questi è Adam Sandler, che è incredibilmente riuscito ad ottenere sia il premio per il peggior attore protagonista che il premio per la peggior attrice protagonista nella commedia Jack and Jill, dove interpretava sia un uomo che una donna. Sandler, da sempre dedito alle pellicole leggere, in questo film da il peggio di se, e la vittoria è senz’altro meritata.

A essere scrupolosi, però, emerge un altro record legato a questa opera. Jack and Jill non è stato apprezzato in nessun suo aspetto, e infatti si tratta della pellicola più premiata di sempre, con ben 10 Razzie Awards, entrando di diritto nell’Olimpo dei film più brutti.

Per quanto riguarda gli attori, però, il “favorito” dalla giuria è un altro: Sylvester Stallone.
Il signor Stallone ha ottenuto, in diversi anni, 31 nomination e 10 trofei a forma di lampone. É riuscito a vincere il premio come peggior sceneggiatore per Rambo 2, trofeo però condiviso con un grandissimo del cinema come James Cameron. Con Rocky IV ha invece ottenuto il premio come peggior regista, ma il titolo di rilievo è un altro.

La giuria ha infatti premiato Sylvester Stallone con il premio per il peggior attore del XX secolo, riconoscimento che l’istituzione ha voluto assegnare “Per il 100% di tutto ciò che abbia mai fatto”.
E questa si che è una bomba.

Sylvester Stallone peggior attore ai Razzie Awards per Rambo 2

 

 

Se il protagonista di RamboRocky ha ottenuto questo “prestigioso” riconoscimento tra gli attori maschi, ad ottenere il premio come peggior attrice del secolo c’è una persona davvero inaspettata, soprattutto perché nella vita è diventata famosa per la musica, non per il cinema.

Premiata 5 volte come peggior attrice protagonista, 2 come peggior attrice non protagonista, ed una come peggior coppia, sto parlando di Madonna.

La cantante pop americana si è vista riconoscere dai Razzie Awards ben 8 lamponi dorati ed il premio speciale come attrice peggiore del secolo, entrando di diritto nella leggenda per le pellicole di dubbio gusto e qualità che l’hanno vista nel ruolo di interprete.

Tiriamo le fila

É chiaro, i Razzie Awards sono una manifestazione figlia del cinema a grandi numeri, dei kolossal in cui il buono alla fine vince sempre, e in cui il cattivo è un ex-nazista che odia il mondo, e sguazzano nelle produzioni ferme al passato e all’età dell’oro di Hollywood.

Sono nati dalla ribellione e dall’auto-disgusto degli stessi produttori e interpreti, e sono un patrimonio del cinema moderno. Certo si tratta di un evento ironico e satirico, ed anche se non ci sono tutti i film o le saghe che dovrebbero essere presenti, ad esempio la saga di Fast and Furious, il cui ultimo capitolo non si discosta molto dai precedenti, o ancora il traballante ed infelice remake di Ghostbusters, la manifestazione rappresenta una perfetta spia di cosa, nel cinema, dovrebbe essere ripensato ed abbandonato.

Eri a conoscenza dei Razzie Awards? Sapevi che esiste anche un premio per il peggior film? Secondo te mancano alcune pellicole o saghe per completare la lista dei film più brutti di tutti i tempi? Attendo le tue considerazioni nei commenti!

Ti è piaciuto l’articolo? Allora condividilo!

alessandrodandrea